Nepal 2003 – 17. Over Booking

Kathmandu, 16 Novembre 2003 – Francesco

Sono le 8:00, c’è giusto il tempo per una bella doccia ed un’ultima sistemata alle valigie. Alle 9:00 io ed Adolfo ci dobbiamo trovare nella Hall dell’Hotel per ritirare i passaporti di tutti, in realtà vengono anche gli altri e così facciamo colazione assieme.

Dopo l’ultimo giro per le vie ed i negozietti di Thamel, alle 12 ci si ritrova in albergo.
Per alcuni é già arrivato il momento dei saluti, infatti David, Remo, Vicky e Giulio non partiranno oggi con noi. Tra baci ed abbracci arrivano i taxi e si va all’aeroporto.

Ad attenderci troviamo Jamma e Doc, arrivati prima per imbarcare il Kayak sull’aereo. Dopo aver pagato la tassa per uscire dal Nepal, ci mettiamo in colonna per il Check-in tutti assieme. C’é una lunga colonna ma tutto tranquillo, siamo in largo anticipo.

Passa mezz’ora ed arriva il nostro turno. Da dietro vediamo Jamma parlare a lungo con il personale dell’aeroporto. La discussione si fa sempre più animata. Dopo un pò ne capiamo il motivo:
sembra incredibile ma sull’aereo non c’è posto per noi. OVERBOOKING. 😯

I minuti passano ed é ora dell’imbarco, Doc si unisce alla discussione.
Lui come altri il 18 devono riprendere a lavorare, non possono permettersi di perderlo.

Per noi, invece il problema é un altro: domani mattina abbiamo il volo da Bkk per Kho Samui in Thailandia, non partire oggi significherebbe perdere anche quello. Il tempo passa e le speranze si affievoliscono, tra pochi minuti l’aereo decollerà, non c’é proprio nulla da fare.

A questo punto Jamma tenta di limitare i danni e prova a far partire almeno noi due, me e Lucia. Dopo un’altra durissima trattativa riesce a farsi dare due posti.

In un nano secondo ci ritroviamo a dover ringraziare, salutare e correre al volo… con le lacrime agli occhi!
Sull’aereo troviamo Christian e Sara che erano arrivati prima di noi, staremo insieme fino a Bangkok.

L’aereo decolla e mentre dò un ultimo sguardo a Kathmandu dall’alto, non posso fare a meno di pensare alle persone che sono rimaste a terra. Antonella, Milena, Fabio, Nora, Adolfo, Doc e Jamma, a cui dobbiamo un ringraziamento particolare per quanto fatto per noi!
Tutti loro hanno contribuito a rendere questo viaggio un’avventura indimenticabile, vissuta sempre con il sorriso ma soprattutto sempre uniti, proprio come una grande famiglia!

FINE DEL DIARIO!
——————————————————-

Le Foto:
Foto dei templi in NepalFoto Trekking in NepalFoto Rafting in Nepal

Il video :
Video Trekking-Rafting in Nepal

Articoli che potrebbero interessarti:

3 commenti su “Nepal 2003 – 17. Over Booking”

  1. Questo avvenimento rese il distacco traumatico o forse meglio così… come quando devi togliere un dente – TRAC – un bel colpo deciso e soffri meno!
    Dopo un’ esperienza simile si creò un unione particolare tra tutti noi e per molto tempo dopo mi mancarono tutti (ha un nome questo sentimento ma non mi ricordo, chi lo sà?).
    Con alcuni ci tenemmo in contatto per un pò di tempo ma poi ognuno ha la sua vita e come spesso capita ci si perse (ai tempi non c’era FB). Difficilmente però dimenticherò solo uno di loro.
    Furono alloggiati in un albergo di lusso dalla compagnia e partirono uno o due giorni dopo. (Adolfo, se leggi ci racconti come fu? )

    Sull’aereo, Christian e Sara ci consigliarono una spiaggetta a Kho Tao. Seguimmo il loro consiglio e dopo due giorni ci raggiunsero senza avvertirci. Una delle più belle sorprese della mia vita. Poi, dopo solo 5 giorni io e Francesco tornammo tristemente nella fredda Italia al lavoro, mentre Cris e Sara si sarebbero fermati un altro mese in quella spiaggia paradisiaca… un lungo mese…. un lungo mese di depressione per me! Davvero, qualcosa dentro di me si spezzò, ebbe inizio la metamorfosi! 🙂

  2. No, più che un sentimento é un effetto conseguente alla fine improvvisa di un periodo (giorni) in cui ci si sente in sintonia ed amati da tutti costantemente. Se ne parlava al tripraduno al Lago Maggiore, non ricordo chi lo disse, forse Luca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.